ORGANIZZIAMOCI PER L’AZIONE

 

IMPEGNI ASSUNTI PER IL PERIODO 2010/2015

DANDO CORSO AL COMPLETAMENTO DEL PROCESSO DI REVISIONE DEL REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE VIGENTE

PROGETTO CHE SI PONE L’AMBIZIOSO OBIETTIVO DI RIQUALIFICARE LA CITTA’ ATTRAVERSO UN PROGETTO VOLTO AL MIGLIORAMENTO DELL’IMMAGINE DELLA NOSTRA CITTA’ RESTITUENDOLE LA SUA IDENTITA’

ULTERIORI ATTIVITA’ SVOLTE NEL 2010/2015

Nel PIANO di GOVERNO del TERRITORIO sono state previste azioni di RIQUALIFICAZIONE DEL SISTEMA URBANO e gli indirizzi principali perseguiti nel PIANO delle REGOLE sono :

  1. -interventi di riabilitazione ed adegumento del patrimonio edilizio esistente

  2. -interventi di trasformazione e riqualificazione del tessuto esistente DEGRADATO ed OBSOLETO per le aree che oggi ospitano oppure ospitavano attività artigianali e produttivi

  3. -CONSOLIDAMENTO della funzione di “CENTRALITA’ URBANA” per i nuclei centrali di Parabiago, San Lorenzo, Villastanza ma anche Villapia e Ravello

  4. -POTENZIARE ed ARRICCHIRE la presenza di attività e di servizi “compatibli” con il tessuto urbano, quali negozi di vicinato, pubblici servizi, attività paracommerciali e artigianto di servizio

  5. -interventi di RILOCALIZZAZIONE delle attività oggi presenti in luoghi

nel REGOLAMENTO DI POLIZIA MUNICIPALE abbiamo introdotto:

  1. -l’OBBLIGO alla manutenzione e pulizia delle facciate, serrande, infissi e tende esterne;

  2. -l’OBBLIGO di garantire periodici interventi per mantenere in buono stato le facciate degli edifici  e le recinzioni;

  3. -l’OBBLIGO per i proprietari di edifici abbandonati e non più utilizzati di IMPEDIRE ogni accesso abusivo ai medesimi e di MONITORARE che le strutture NON siano danneggiate e di VERIFICARE che le eventuali recinzioni siano sempre funzionali ad ostracolare ingressi abusivi;

EDILIZIA
POLIZIA MUNICIPALE
PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO

il programma

fuori programma

CONTATTAMI : @mail : raffaele.cucchi@mac.com - mobile : +39 366 67 56 075

Nella CITTA’ CONSOLIDATA abbiamo previsto :

  1. -incrementi volumetrici  per permettere la verticalizzazione degli edifici esistenti volti a permettere la realizzazione dell’appartamento dei figli e ridurre il consumo di suolo

  2. -aree di completamento volumetrico con un idice superiore rispetto a quello da acquisire in quanto è stato riconosciuto al proprietario delle aree edificabile i maggiori costi che deve farsi carico per pervenire alla costruzione dell’edificio rispetto a coloro che devono solo alienare l’area

  3. -per le aree di completamento volumetrico è stato appositamente un importante capacità edificatoria iniziale che va riducendosi negli anni per incentivare questi piccoli interventi che permettono di RILANCIARE LE IMPRESE EDILI ARTIGIANE del nostro territorio

  4. -i SOTTOTETTI potranno avere un’altezza media di 2,40 mt senza essere computati nella volumetria affinchè possano essere poi recuperati senza ulteriori interventi edilizi sull’immobile

  5. -INTRODUCENDO gli INDICI PREMIALI volti alla realizzazione di edifici qualitativamente migliori se realizzati in classe energetica A, attraverso l’accorpamento di più superfici fondiarie, trasferimento di superfici che risultano essere incompatibili e dissonanti, dismissione di amianto, realizzati con coperture piane piantumate, realizzati impianti fotovoltaici aderenti ed integrati e realizzate pareti verdi verticali.

EDILIZIA

CINQUE ANNI DI LAVORO DI SQUADRA

Assessore : Raffaele Cucchi